Regolamento utilizzo marchi

 Sitri_logo                                                                 logo tricoitalia 2

Regolamento dell’utilizzo dei marchi S.i.Tri. e Tricoitalia

 

Art. 1 – Finalità e oggetto del regolamento

  1. Il presente Regolamento disciplina l’utilizzo del marchio S.I.Tri.® (oppure SITri®), sigla che indica la “Società Italiana di Tricologia”, e del marchio TRICOITALIA®, nome del settore didattico-scientifico della Società Italiana di Tricologia, a cui si associano anche “Cultori non laureati” ed “Operatori Estetici” della Tricologia.
  2. In particolare, il Regolamento stabilisce le modalità di gestione ed utilizzo dei marchi predetti, le modalità di concessione del relativo diritto d’uso, nonché il sistema dei relativi controlli al fine di tutelarne il valore istituzionale e scientifico ed assicurarne il corretto utilizzo da parte degli associati e di terzi soggetti.

 

Art. 2 – Descrizione dei marchi

  1. Il marchio “S.I.Tri.” è costituito dalla scritta di colore grigio con al centro un simbolo di un capello stilizzato di colore arancio.
  2. Il marchio “Tricoitalia” consiste nella scritta di colore nero preceduta dal simbolo di un microscopio.

 

Art.3 – Titolarità ed utilizzo dei marchi

  1. Il diritto di utilizzare i marchi “S.I.Tri.” e “Tricoitalia” è di esclusiva proprietà della Società Italiana di Tricologia.
  2. E’ fatto divieto a chiunque, compresi gli associati alla Società Italiana di Tricologia, di utilizzare detti marchi, in qualunque modo genere o forma e per qualunque finalità, in assenza di una esplicita autorizzazione resa da parte della Società Italiana di Tricologia ed in particolare del Comitato Direttivo, che ne detiene la gestione ed esercita il controllo in merito al corretto utilizzo.
  3. Gli associati alla Società Italiana di Tricologia, che siano laureati in Medicina e Chirurgia e che abbiano dimostrato un particolare interesse alla disciplina tricologica comprovato da una certificata frequenza alle sessioni specifiche in congressi specialistici e/o relazioni o pubblicazioni in tema, ed altresì che siano in regola con il versamento delle quote associative, possono chiedere di utilizzare del marchio “S.I.Tri.” al Comitato Direttivo specificando l’uso che intendono farne.
  4. Gli associati alla Società Italiana di Tricologia, che siano soggetti non laureati operanti nel settore Tricologico in regola con il versamento delle quote associative, possono chiedere di utilizzare del marchio “Tricoitalia” al Comitato Direttivo specificando l’uso che intendono farne.

 

Art. 4 – Principi generali dell’uso del marchi

  1. Nel caso in cui Comitato Direttivo autorizzi l’uso dei marchi a favore di un associato, detto uso sarà espressamente disciplinato nell’autorizzazione rilasciata dal Comitato Direttivo, salvi comunque i seguenti principi generali:
    • la validità della autorizzazione è subordinata al corretto e puntuale versamento della quota associativa;
    • la autorizzazione del Comitato Direttivo è da intendersi strettamente legata e connessa alla richiesta rivolta dall’associato, non gli conferisce alcun diritto d’esclusiva né permette l’appropriazione di tale marchio o logotipo similare;
    • l’uso del marchio, che dovrà sempre garantire un’adeguata visibilità al medesimo, deve essere sempre improntato alla promozione e valorizzazione del medesimo;
    • l’uso del marchio deve sempre essere compiuto in conformità dei principi e degli obiettivi della Società Italiana di Tricologia, pena la revoca immediata della licenza d’uso;
    • in ogni caso, il marchio non potrà mai essere utilizzato per scopi illegali, diffamatori, fraudolenti o comunque lesivi di diritti altrui, contrari alla legge e/o a regolamenti;
    • nell’uso del marchio deve sempre essere evitata confusione e/o associazione con altri marchi, nomi, insegne, indirizzi IP, nomi di dominio e/o diritti di proprietà intellettuale o industriale di terzi;
    • il licenziatario è l’unico responsabile dell’uso del marchio e si impegna a tenere manlevata la Società Italiana di Tricologia da ogni responsabilità conseguente a tale uso;
    • la Società Italiana di Tricologia e comunque qualsiasi membro del Consiglio Direttivo potrà esercitare tutte le opportune verifiche al fine di vigilare sul corretto uso del marchio, potendo revocare la relativa licenza con effetto immediato qualora rilevino usi non autorizzati e/o in violazione o non conformi ai principi ed agli obiettivi della Società Italiana di Tricologia.