La Tecnica FUE cambia nome
 /  Articoli Recenti / In Evidenza / Recent News Sinistra / La Tecnica FUE cambia nome
La Tecnica FUE cambia nome

La Tecnica FUE cambia nome

 

 

LA TECNICA FUE CAMBIA NOME

E’ STATO MODIFICATO IL SIGNIFICATO DELL’ACRONIMO DELLA POPOLARE TECNICA CHIRURGICA DI AUTOTRAPIANTO FUE. L’AZIONE DELLA SOCIETA’ INTERNAZIONALE, DI CUI LA SOCIETA’ ITALIANA (SITRI) E’ PARTE ATTIVA, E’ FINALIZZATA AD UNA CHIARA COMPRENSIONE DELLA NATURA CHIRURGICA DELLA PROCEDURA STESSA DA PARTE DEI PAZIENTI

L’ISHRS E LA SITRI annunciano che il nuovo significato del termine FUE è da oggi
Follicular Unit Excision

GENEVA , IL. – 6 marzo 2018

L’International Society of Hair Restoration Surgery (ISHRS) ha annunciato oggi che è stata aggiornata la terminologia riguardante la tecnica di autotrapianto di capelli noto come FUE il cui la lettera E perde il significato di “estrazione” ed assume il significato di “escissione”.
Il termine FUE andrà d’ora in avanti tradotto come “ESCISSIONE DI UNITA’ FOLLICOLARI“, o mantenendo l’abituale inglecizzazione come “FOLLICULAR UNIT EXCISION

Questo cambiamento è guidato dalla necessità di enfatizzare l’effettivo aspetto chirurgico della procedura, specialmente per quei pazienti, nei cui paesi, il termine “estrazione” ha implicazioni non chirurgiche. Questa decisione ha già ricevuto il pieno supporto e la completa accettazione da parte dei chirurghi di tutto il mondo che praticano la procedura.

“Rendere questa terminologia più precisa sotto il profilo scientifico, clinico e chirurgico ha lo scopo di chiarire che la rimozione chirurgica di un innesto contenente unità follicolari con tecnica FUE comporta una escissione dei tessuti“. Questo è quanto ha affermato Ricardo Mejia, MD, membro del Board dell’ ISHRS e Presidente del Comitato costituito ad hoc sui temi riguardanti la Pratica Illegale della Medicina. “L’intervento di autotrapianto è una procedura sicura ed estremamente efficace per correggere la calvizie quando viene eseguita da chirurghi specializzati; tuttavia è ,a tutti gli effetti, un intervento di chirurgia estetica e qualsiasi tentativo di minimizzare i significativi aspetti chirurgici della FUE, al fine di apparire meno invasivi, è fuorviante e potenzialmente pericoloso per i pazienti “.

Il sondaggio effettuato dall’ISHRS nel 2017, ha evidenziato che nel 2017 sono stati eseguiti in tutto il mondo 635.189 interventi chirurgici di autotrapianto dei capelli con un aumento del 60% rispetto al 2014. Esistono due tecniche comunemente note per il prelievo dei capelli dall’area donatrice: uno è noto come FUT o STRIP , nel quale è prelevata una sottile striscia unitaria e l’altro è il metodo da oggi noto come escissione delle unità follicolari (FUE). Quest’ultimo è diventato sempre più popolare in tutto il mondo, spesso sostenuto da aggressive campagne di marketing provenienti da aziende produttrici di dispositivi medici che supportano la procedura FUE, le quali cercano di vendere i loro strumenti chirurgici. Il sondaggio ISHRS ha rilevato che la maggior parte dei membri di questa società (92,5%) ha riferito di eseguire personalmente l’escissione delle unità follicolari (FUE) sui propri pazienti e che, quando possibile, viene discussa con i pazienti la scelta circa il tipo di tecnica di prelievo più idonea.

Nel corso di un autotrapianto eseguito con tecnica di escissione delle unita follicolari (FUE), i piccoli e naturali raggruppamenti di capelli presenti in natura (le unità follicolari) vengono singolarmente asportati con un micro bisturi circolare (punch). Una volta raccolti saranno trasferiti nell’area affetta dalla perdita di capelli ove essi conservano le loro caratteristiche intrinseche di permanenza. Questa tecnica altamente specializzata ha guadagnato popolarità nel corso degli anni perché non implica punti di sutura e non lascia una cicatrice lineare. Per il prelievo vengono creati piccoli fori a tutto spessore, spesso migliaia di essi. Questi fori vengono lasciati aperti per guarire con piccole cicatrici che esiteranno in piccole macchioline rotonde. La creazione di queste piccole ferite aperte costituisce la natura chirurgica della procedura.

Il dott. Mejia ha spiegato che negli ultimi 15 anni, il termine “estrazione” è stato usato per minimizzare la natura chirurgica di questo intervento al fine di implicare una procedura non chirurgica che in quanto”estrazione” di peli, lasciava erroneamente intendere che questi fossero strappati fuori dal cuoio capelluto senza chirurgia. Questo messaggio fuorviante ha dato origine all’espansione mondiale della chirurgia di escissione delle unità follicolari (FUE) eseguita da personale non medico e senza licenza. Ciò ha generato un mercato nero per il trapianto di capelli che ha provocato gravi danni estetici con cicatrici e perdita di capelli , infezioni e persino morti.

Il dott. Mejia ha affermato che: ” l’ISHRS quale autorità leader a livello mondiale per il trattamento e il ripristino della calvizie, si sente profondamente responsabile dell’educazione dei cittadini; intende quindi supportare la sicurezza dei pazienti, promuovendo la verità nella pubblicità ed informando correttamente i pazienti riguardo tutte le opzioni, sia chirurgiche che mediche, a loro disposizione”. Inoltre, ha poi continuato “La modifica della terminologia FUE è un altro modo mediante il quale possiamo chiarire ai pazienti la vera natura chirurgica della procedura affinchè possano prendere decisioni migliori riguardo la scelta del medico e della tecnica chirurgica evitando altresì di pagare inavvertitamente un intervento chirurgico eseguito da una persona non autorizzata alla pratica della medicina “.

L’ISHRS ha creato una pagina web rivolta all’educazione dei pazienti, che fornisce un elenco di domande si dovrebbero porre quando questi ultimi cercano un medico, https://www.ishrs.org/article/consumer-alert.

Informazioni sull’ ISHRS
L’International Society of Hair Restoration Surgery (ISHRS) è un’associazione medica globale senza fini di lucro ed è l’autorità leader nel trattamento e nel ripristino della calvizie con oltre 1.200 membri in 70 paesi in tutto il mondo. In particolar modo l’ISHRS mira raggiungimento risultati di eccellenza nella cura dei pazienti, promuovendo i più alti standard di pratica ed etica medica contribuendo attivamente alla ricerca nel settore della cura e della chirurgia della calvizie. L’ISHRS fornisce inoltre un’educazione medica continua ai medici specializzati nella chirurgia dei trapianti di capelli e si impegna a fornire ai tutti coloro che soffrono per la perdita dei capelli informazioni sempre aggiornate sui trattamenti medici e chirurgici inerenti la calvizie maschile e la calvizie femminile. L’ISHRS è stata fondata nel 1993 come prima società internazionale al fine promuovere un miglioramento continuo della qualità e l’istruzione per i tutti professionisti che lavorano nel settore della chirurgia della calvizie.

Per ulteriori informazioni e per individuare un medico, visitare www.ishrs.org.
Segui ISHRS su Twitter @ISHRS.

Informazioni sul sondaggio
Condotto da Relevant Research, Inc., di Chicago, IL, USA, il Censimento riguardante l’attività dei membri ISHRS 2017 è una raccolta di informazioni fornite esclusivamente dai medici partecipanti. Le informazioni pubblicate in questo sondaggio sono state elaborate partendo da dati reali e non includono alcuna informazione proiettata. Il margine di errore per il campione ha un intervallo di confidenza compreso tra il più e il meno 4,9 ed un livello di confidenza del 95 percento. Il “Practice Census Report 2017” prodotto dall’ ISHRS, è disponibile al link Hair Restoration Statistics.

Traduzione a cura del Dr. Piero Tesauro PhD
Presidente SITRI

Related Posts